<< Marsiglia non è una città per turisti. Non c'è niente da vedere. La sua bellezza non si fotografa. Si condivide. Qui, bisogna schierarsi, appassionarsi. Essere per, essere contro. Essere, violentemente. Solo allora ciò che c'è da veder si lascia vedere. >>
(…) La città fondata dal focese di nome Protis, l'Ulisse dei marsigliesi, che lì trovò approdo una coppa d'acqua offertagli da Gyptis la ragazza che lo prese come sposo, racconta nel suo mito la sua essenza di luogo che esperisce il mondo, meglio ancora il mediterraneo. Il luogo in cui un cittadino francese come Izzo, <<bastardo di Marsiglia, mezzosangue di cultura italiana, spagnola e araba >> sente di esistere e di poter immaginare ogni giorno un futuro ...

Read More